Rose fur Direkte Demokratie

Joseph Beuys (Krefeld 12 maggio 1921 – Dusseldorf 23 gennaio 1986), scultore “di anime”, artista, realizza questa sua installazione nel 1977.

Una rosa rossa, bellissima ed unica, piena di spine, rappresenta la Democrazia Diretta. Un contenitore vitreo millesimato, pieno d’acqua, rappresenta i cittadini, che devono attivarsi (e darsi da fare) per “alimentare l’acqua” e fare sopravvivere la Democrazia Diretta. Il tavolino rappresenta la Civiltà Umana e la sua storia sociale, che sostengono (ed includono) questo fragile sistema che è la Democrazia Diretta.

Scrive Beuys : ” Il rapporto con la natura è ormai un rapporto distruttivo da parte a parte. Esso minaccia la distruzione totale della base naturale su cui noi viviamo. Stiamo percorrendo la via più adatta ad annientare questa base mentre pratichiamo un sistema scientifico che si fonda sullo sfrenato depauperamento di questa base naturale. Molto chiaramente si deve spiegare che il sistema scientifico privato capitalistico dell’Occidente, non si distingue fondamentalmente, da questo punto di vista, da quello statale capitalistico dell’Oriente. L’annientamento viene esercitato universalmente, tra miniere e scarico di rifiuti si snoda la via a senso univoco della moderna civiltà industriale, della cui crescita espansiva cadono vittima sempre di più le linee di vita e i cicli del sistema ecologico”.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s